NotizieTutti gli ArticoliImpianto sportivo Ogliastrillo: la situazione, tra tante ombre e poche luci

Redazione2 mesi ago5 min

La storia 

Il 20 Maggio, il Comune di Cefalù pubblica il bando bando di gara per l’assegnazione in concessione dell’impianto sportivo (campi di calcetto) di Contrada Ogliastrillo. La struttura, gestita per diversi anni da “Quelli della Notte” era alla ricerca di un nuovo gestore. Al bando vi partecipano tante associazioni, tra cui la Cephaledium Calcio che, il 23 giugno, riesce ad aggiudicarsi la struttura. La società giallonera, lo reputa un grande risultato, puntando sui campetti per far ripartire il calcio giovanile e mettere le basi su un prossimo futuro come dichiarato dal presidente Barranco: “Abbiamo messo il primo tassello importante per il futuro dei nostri ragazzi. Dopo la sfortunata annata 2019/20, questa è la giusta notizia per tornare alla ribalta. La Cephaledium continuerà a lavorare sui giovani del nostro territorio, sui campioni che indosseranno con orgoglio questa maglia.

Da qui inizia il calvario.

Tra gli ex gestori e il Comune nasce un contenzioso, dovuto a dei lavori effettuati sulla struttura. Problematiche che fanno slittare la consegna delle chiavi di molti mesi ma, contemporaneamente, arriva lo stesso la richiesta del versamento del deposito precauzionale di 18.000 euro, più e le polizze assicurative.

Nasce un ulteriore problema: una costruzione all’interno della struttura risulta abusiva. Dopo diversi solleciti, domande sulla veridicità della situazione e sulla possibilità di utilizzare tale costruzione, non vi è nessuna risposta.

Dopo il regolare versamento della quota iniziale e la notifica del pagamento ricevuto, si arriva ad Ottobre, con il Comune che richiede il versamento anticipato dei 6 mesi, per un ammontare di altri 18.000 euro. Una quota abbastanza importante da versare ma da qui nasce il problema: la mancanza di comunicazione tra le due parti e tutti i dubbi che ne derivano, non solo, fanno slittare ulteriormente la consegna delle chiavi, ma lascia molti dubbi ed ombre sulla possibilità di utilizzo della parte incriminata. La Cephaledium continua a mandare solleciti e domande a tal riguardo, rifiutandosi di versare la cifra finché la situazione non si fosse chiarita.

La risposta non arriva e, ieri 2 Dicembre, viene mandato un sollecito sul pagamento che, se non avverrà entro, 7 giorni i gialloneri perderanno la struttura, che andrà al secondo in graduatoria.

Lo sfogo

Il presidente della Cephaledium, Giuseppe Barranco, non ha mandato giù questa situazione: “E’ una vergogna. Non abbiamo avuto risposte, non c’è chiarezza su una situazione che ha dell’incredibile eppure ci viene richiesto un pagamento su una struttura che non risulta a norma. E’ mai possibile che, nella situazione attuale, con i problemi economici che ne deriva il periodo che viviamo, il Comune richieda il pagamento di altri 18.000 euro senza che vengano date certezze? Sono veramente amareggiato e deluso”

 

Abbiamo sentito una “campana” sulla situazione attuale della struttura sportiva del Ogliastrillo, lo staff di CefalùTime è aperto a qualsiasi risposta da parte del Comune e ci auguriamo che questa problematica e questa situazione si possa risolvere il prima possibile nel migliore dei modi 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

ll progetto editoriale di CefalùTime è frutto della passione per le arti comunicative e giornalistiche da parte di uno staff giovane e intraprendente.

CefalùTime, nasce con l’obbiettivo di offrire una nuova fonte di informazione, chiara e trasparente, divenendo, al contempo, vetrina di opportunità per piccoli e grandi imprenditori operanti sul territorio.

Gennaio: 2021
L M M G V S D
« Dic    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Cefalu Time, 2019 © All Rights Reserved