FocusFotoTutti gli ArticoliV Notte Nazionale del Liceo Classico (con galleria fotografica)

Redazione8 mesi ago15 min

Giunta alla sua V edizione, la Notte Nazionale Del Liceo Classico è uno degli eventi più attesi dai ragazzi del Liceo Classico Mandralisca.

La scuola partecipa alla manifestazione Nazionale sin dalla sua prima edizione e ogni anno continua con entusiasmo, sempre alla ricerca di crescita e novità. I protagonisti di questo evento sono gli studenti della scuola che mettono in mostra i loro talenti.

Quest’anno, come già avvenuto lo scorso anno, la serata è stata divisa in due parti: la prima ha avuto luogo presso il Liceo Classico Mandralisca, nella seconda ha fatto da cornice, allo spettacolo messo in scena dagli alunni, il magnifico Teatro Comunale Salvatore Cicero.
Alle 18 la manifestazione ha avuto inizio, presso il corridoio del piano terra dell’Istituto Mandralisca, con la proiezione, in contemporanea nazionale, del video di presentazione della V Notte Nazionale, seguita dai saluti del Dirigente Scolastico, dott. Francesco Di Majo, e della Professoressa Cinzia Maglio.
Successivamente, hanno avuto inizio le varie conferenze e presentazioni fatte dagli alunni, in merito a progetti e/o attività scolastiche. Come ogni anno, le attività spaziavano da una materia all’altra, partendo dalle quelle letterarie e umanistiche d’indirizzo, per arrivare poi alle materie scientifiche e linguistiche.
Ospiti di questa prima parte sono stati il dott. Dario Restivo, già ospite della manifestazione lo scorso anno, il quale ha proposto la presentazione di un premio letterario, il KERASMUS; e la dott.ssa Masiero, del parco astronomico GalHassin, la quale ha tenuto una conferenza circa il sistema solare e l’astronomia, nell’aula che i ragazzi della I C avevano allestito con modellini dei pianeti del sistema solare in relazione alla loro attività “Aula Spaziale: a spasso per il sistema solare”.
Gli studenti non si sono però limitati a prendere parte alla rappresentazione dei progetti, come ad esempio il progetto scolastico del Debate (curato dalla prof.ssa Annalisa Manzo e il prof. Giovanni Messina) ma hanno anche ideato delle attività che rispecchiassero le loro personalità.

L’alunno Federico Guarraia della IV A, ad esempio, ha condotto una conferenza sul mito di Ulisse; Alessandro Rasa e Davide Lo Verde hanno ideato un QuizGame in inglese, contenente domande sull’Istituto Mandralisca.

Una delle aule che più attira l’attenzione dei visitatori, forse per la sua ricchezza di cultura e storia, è il Laboratorio Scientifico all’interno del quale si sono svolte tre attività: l’osservazione di preparati fissati al microscopio, la classificazione di rocce e minerali e l’esecuzione di esperimenti fisici attraverso gli strumenti in possesso dall’Istituto Mandralisca.
Dopo essere stati nelle varie aule della scuola per assistere alle performance sopracitate, la concentrazione si è spostata nuovamente nel corridoio del piano terra, dove ha avuto luogo la rappresentazione della Morte di Socrate, curata dalle prof.sse Arrigo, Spinosa e Randone, in merito al progetto Umanesimo dell’Altro Uomo.

La seconda parte dello spettacolo è stata influenzata da controversie logistiche: a causa dell’elevato afflusso di spettatori, il Sindaco ha deciso di far rimanere in sala solo i genitori e gli spettatori esterni, eccetto gli alunni interessati dalle rappresentazioni. Risolto il problema la serata ha avuto inizio con un breve intervento del Dirigente, seguito dalla presentazione della serata da parte della prof.ssa Maglio e del direttore artistico, Carlo Rinaldo, i quali hanno poi passato la parola alle due studentesse che si sono alternate per condurre la serata, Cecilia Tumminello e Samira Ait Hammou.

Le esibizioni della serata avevano due principali gruppi di riferimento tematico: il primo riguardava l’essenza vera e propria del liceo classico, intesa come grammatica, storia. materie linguistiche d’indirizzo e la seconda si rifaceva al tema nazionale della notte dei licei, ovvero la convivenza tra realtà e finzione.

La prima performance, che faceva leva sugli errori grammaticali che è sempre più facile scorgere sul web, è un’opera inedita del direttore artistico sulle note di Sofia di Alvaro Soler.

Continuando sempre a parlare di grammatica si è passati ad un’interpretazione dell’alunna Rebecca Di Marco della canzone “Il congiuntivo”, di Lorenzo Baglioni, accompagnata da Andrea Capuana e Serena Santino. Queste performance sono state accompagnate dalla musica della band ALTAFREQUENZA LIVE MUSIC.

Successivamente si è assistito all’“Acta diurna Romani imperii”, un surreale telegiornale dell’antica Roma. Tornando ai giorni nostri, per rendere sempre più attuali gli studi classici, accompagnata dalla band ALTAFREQUENZA LIVE MUSIC e da Alessia Paola (Clarinetto), Margherita D’amico (Pianoforte), Cecilia Tumminello e Ferdinando Cannizzaro (Chitarre), Giada Testa e Carlotta Martino (Coreografia), Giulia Serio hanno cantato sulle note della colonna sonora del famoso film d’animazione Disney, La bella e la bestia, la versione latina di “Fabula Aeterna”.

In seguito si è tornati di nuovo a parlare di storia, con la commovente rappresentazione dell’opera ideata e scritta dalla prof.ssa Cetty Arrigo, in occasione del 30esimo anniversario dalla caduta del Muro di Berlino, che vede la partecipazione dei ragazzi della IV A, protagonisti Sofia Cimino, Pietro Di Paola e Sergio Imperiale. Per concludere questa prima fase di serata, il teatro è stato avvolto dalla magica voce di Marta Quagliana, allieva del Liceo reduce dalle semifinali di Sanremo giovani, che ha eseguito un brano di Carmen Consoli, “Orfeo”; seguita poi da due performance, anche queste canore, dell’ex allieva dott.ssa Ester Stimolo, la quale ha prima scherzato un po’ con una materia a lei cara, la farmacia, e poi ha concluso con “Beautiful that life”, canzone tratta dallo storico film “La vita è bella”, per avviare la serata al tema di realtà e finzione, affrontato nella seconda fase della serata.

Nel breve intervallo, il Sindaco Rosario Lapunzina è salito sul palco per porgere i suoi saluti ai presenti e, vedendo la situazione venutasi a creare nella prima serata, mettendo a disposizione il teatro per una replica nel corso della prossima settimana.

Dal rientro dalla pausa, si è iniziato con un’altra opera inedita di Carlo Rinaldo con una puntata inedita dell’Andrea Capuana Show (esibizione che si rifà al Maurizio Costanzo Show): la tematica trattata è stata l’Archè, ovvero l’inizio di tutte le cose, ricercato dai filosofi, non solo classici ma anche moderni. Nel “famoso talk show hanno preso parola Talete (Margherita D’Amico), Animassandro (Vittoria D’Agostaro), Anassimene (Mariafrancesca Santoro), Eraclito (Giorgia Cucco), Pitagora (Martina Santoro), Empedocle (Lucia Cirincione), Democrito (Marta Quagliana), Platone (Giacomo Cammarata) e Lemaitre (Irene Barracato) che, con un riarrangiamento di alcune canzoni italiane, hanno spiegato la loro idea al pubblico.
Subito dopo, alla mezzanotte, lo spettacolo è stato interrotti per dare spazio alla lettura, in contemporanea nazionale, del brano “Il Lamento Dell’Esclusa”.

Un’altra esibizione che ha dato modo di far convivere mondo classico e mondo moderno è stata quella di Concetta Daino, che, accompagnata dalla coreografia di Mariachiara Puccio, Martina Santoro, Samira Ait Hammou e Marianna Cannizzaro, ha cantato la versione greca della canzone “Hot ‘n’ Cold” di Katie Perry.

Il tema di realtà e finzione è stato poi affrontato dagli alunni della III C, guidati dalla prof.ssa Adesini, nella rivisitazione drammatica dell’opera di Oscar Wilde, “The importance of being Earnest”. La fantasia degli alunni è sfociata poi in una scenetta comica, interpretata da Samira Ait Hammou, Gianluca Serio e Gabriele Serio, tratta da un’idea di Lillo e Greg, “Il Provino”.

Si è ritornati poi sulle orme dei classici con un pezzo liberamente tratto dall’Amphitruo di Plauto, “Il doppio: Sosia e Mercurio.”

Prima di assistere al gran finale, le alunne Paola Lusco ed Elena Cangelosi, ideatrici della coreografia, accompagnate da Mariachiara Puccio, Martina Santoro, Samira Ait Hammou e Marianna Cannizzaro, si sono esibite sulle note di “Love yourself”.

A conclusione della serata c’è stata l’ ”Odissea:24 libri in 24 minuti”, scritta, diretta, ed anche interpretata, da Carlo Rinaldo. I ragazzi che hanno preso parte a quest’ultima sono: Beatrice Cangelosi e Marianna Cannizzaro (Ancelle), Samuel Sireci e Federico Giambalvo (Proci), Mattia Ferrante, Francesco Parasiliti, Fulvio Filippone e Raffaele Esposito (Marinai), Guido Costagliola (Poseidone), Andrea Capuana (Telemaco), Gabriele Serio (Mercurio), Rebecca Di Marco (Calipso), Roberta Rinaudo (Nausica), Martina Santoro, Irene Barracato e Glenda Glorioso (Ancelle di Nausica), Pietro Di Paola (Alcino), Giacomo Cammarata (Antinoo ed Eolo), Marta Quagliana (Circe), Gianluca Serio (Ulisse), Giulia Serio (Penelope) e Carlo Rinaldo (voce Polifemo e Giove) che, in 24 minuti, hanno riportato in vita la leggenda di Omero “l’Odissea” con canzoni modificate per l’occasione.

Una giornata impegnativa per gli studenti del Liceo classico cefaludese che a fine esibizione hanno ricevuto i giusti applausi del numeroso pubblico accorso all’evento. Malgrado le problematiche iniziali occorse per la seconda parte dell’evento, la serata è ben riuscita con un grande applauso finale da parte del pubblico presente nel teatro.

 

Per rivivere alcuni momenti della giornata, cliccando qui troverete alcuni scatti di Giorgia Tudisco 

 

Giorgia Tudisco

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

ll progetto editoriale di CefalùTime è frutto della passione per le arti comunicative e giornalistiche da parte di uno staff giovane e intraprendente.

CefalùTime, nasce con l’obbiettivo di offrire una nuova fonte di informazione, chiara e trasparente, divenendo, al contempo, vetrina di opportunità per piccoli e grandi imprenditori operanti sul territorio.

Settembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Cefalu Time, 2019 © All Rights Reserved